AUTORE

Francesco Apolloni ha lavorato come editorialista e giornalista per i più importanti quototidiani italiani: “Il sole 24 ore”, “il Messaggero”, ”Il Tempo” e “RomaitaliaLab”.

Come scrittore ha pubblicato:

  • Passo e chiudo, edited by Minimunfax.
    Un romanzo quasi in versi, dalla musicalità scomposta e stordente: durante un’estate romana formicolante di vita, un ragazzo “scrive” un diario delle proprie giornate sul nastro di un registratore. È un anti-eroe bugiardo e cattivo, eppure si innamora: lei è una modella bellissima e famosa, e contro ogni aspettativa una relazione nasce davvero – ma il lieto fine è impossibile.
    Una storia “provinciale” di attese e frustrazioni raccontata con stile nervoso e “metropolitano”, che alla violenza ostentata preferisce la rappresentazione vibrante dell’ossessione, e al fragore dell’esplosione il silenzio teso che la precede.

  •  

  • La verità, vi prego, sull’amore, edited by Minimunfax.
    Paure, desideri, ricordi e speranze di una generazione. Per esempio: Monica ama Lorenzo, Lorenzo ama Olga, Olga ama Luca… E sono tutti riuniti in un salotto romano con birra, pianoforte e ospiti a sorpresa (un amante con videocamera, una pranoterapeuta giapponese, il cameriere di un ristorante cinese, e poi modelle, commercialisti, artisti, disoccupati…) Un travolgente simposio sui sentimenti. Una commedia irresistibile sull’amore ai tempi… dell’agriturismo virtuale.
    Da questa pièce teatrale è tratto l’omonimo film, diretto dallo stesso Francesco Apolloni. 
  •  

  • Fate come noi, edited by Donzelli editore.
    Il Bove e il Pechino, giovani delle borgate romane, sembrano non attendersi nulla dalla vita, sempre in bilico tra legalità e illegalità persi in un girovagare alla ricerca di emozioni che diano una ragione alle loro giornate. In questo apparente degrado si aprono squarci fantastici e incontri che capovolgono l’incedere insensato dei giorni: la vecchia Fernanda che Pechino vorrebbe derubare, ma dalla quale viene salvato e redento; Giordana e la figlia, che incontrano i due ragazzi, donandogli sofferenza e grazia, instillando in loro la voglia di riscatto. Ma questo libro è anche la storia di una sceneggiatura, di un film e di coloro che l’hanno realizzato, con un ritratto di Pupella Maggio, che in “Fate come noi”, veste i panni di Fernanda.